Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Vernice Progetti | 23/01/2018

Scroll to top

Top

NATIVITAS, il Presepe di Consorti a Palazzo Sansedoni

NATIVITAS, il Presepe di Consorti a Palazzo Sansedoni

In occasione del consueto cartellone natalizio della città “Tutto il Natale di Siena”, promosso dal Comune di Siena, la Fondazione Monte dei Paschi di Siena apre nuovamente le porte della sua sede per l’evento espositivo “Nativitas”. La Fondazione abbraccia la tradizione natalizia con il tema del presepe. L’iniziativa, ideata dalla società strumentale Vernice Progetti Culturali che ne segue anche lo svolgimento, prevede l’esposizione nei locali dell’anticappella di Palazzo Sansedoni, sede della Fondazione Mps, del presepio in bronzo realizzato dallo scultore Vico Consorti (1902-1979).

L’opera è composta da tre gruppi (Sacra Famiglia con il bue e l’asinello, Adorazione dei pastori, Adorazione dei magi) e due figure isolate (Angelo inginocchiato e Angelo stante). Si può definire, quindi, un Presepe.
I tre gruppi bronzei presenti in esposizione si delineano come opere permeate da un’intonazione classica ed equilibrata, elegante e sobria.
Con questa composizione lo scultore partecipò nel 1934 al concorso sui Presepi bandito dall’Enapi (Ente Nazionale Artigianato e piccole industrie) in occasione della Mostra del Sindacato degli Artisti Toscani insieme ad altre opere che esaltavano lo stile fluido e monumentale di Consorti. L’artista, allievo di Fulvio Corsini, si inserì pienamente nell’ambito del dibattito che si accese a Siena, intorno agli anni venti del Novecento, circa la necessità di promuovere, qualificare e aggiornare l’artigianato locale. La lavorazione del bronzo rientrava pienamente nella produzione artigiana di antica tradizione. E per Consorti divenne materia elettiva per le sue opere.
Lo scultore realizzò anche cinque porte monumentali bronzee. Fra queste, la porta della Riconoscenza per il Duomo di Siena, inaugurata il 16 agosto 1946 (come adempimento del voto per la salvezza della città fatto due anni prima dalla cittadinanza senese) e la Porta Santa Vaticana aperta solennemente nel Giubileo del 1950 e “riaperta” l’8 dicembre scorso.
Il Presepe è stato acquistato dalla Fondazione Monte dei Paschi nel 2007 e fa parte della Collezione Opere d’Arte.

L’esposizione, ad ingresso libero, sarà aperta al pubblico dal 17 al 23 dicembre 2015 da lunedì a venerdì dalle 10 alle 13 e dalle 14.30 alle 18.00.