Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Vernice Progetti | 23/01/2018

Scroll to top

Top

“3 luglio 1944. Liberazione di Siena ”

“3 luglio 1944. Liberazione di Siena ”

La Fondazione Mps e Vernice Progetti Culturali, ispirandosi al tema del Palio di luglio 2014, ricordano il 70° anniversario della Liberazione della città di Siena con un’originale rassegna fotografica dal titolo “3 luglio 1944. Liberazione di Siena”, che riproduce gli scatti dell’epoca tratti dall’Archivio Malandrini di Fotografia Senese di proprietà della Fondazione.

Fino al 3 luglio, data storica della liberazione della città di Siena, sarà possibile ammirare le interessanti riproduzioni di immagini raffiguranti l’arrivo delle truppe alleate a Siena e alcune scene di guerra del periodo 1943-1944. Il percorso fotografico si snoda lungo la scala monumentale di Palazzo Sansedoni per giungere fino all’interno dell’anti Cappella del Beato Ambrogio, dove sono collocati un inedito poster del Governo Americano a firma del pittore Leo Lionni e libri bianchi d’artista realizzati da un collettivo di artisti coordinati da Fabio Mazzieri.

Oltre alle opere, troveranno spazio anche dei punti lettura dove poter sfogliare la collana realizzata a cura di Luca Luchini dedicata alla storia di Siena dal 1940 al 1950.

Particolarmente suggestivo l’allestimento che prevede all’ingresso di Palazzo Sansedoni la riproduzione del documentario “1944-2014 Siena ricorda. La Liberazione dal nazifascismo dei 36 Comuni della provincia” a cura del giornalista Juri Guerranti, per poi proseguire lungo la scala monumentale dove  un filo di lana teso richiama “il filo della memoria” da cui pendono le riproduzioni fotografiche Malandrini. Filo, che si ritrova anche nell’analoga esposizione fotografica realizzata nelle Stanze della Memoria dell’Istituto Storico della Resistenza Senese, partner dell’iniziativa, che ha messo a disposizione il proprio archivio fotografico dell’epoca.

La rassegna a Palazzo Sansedoni costituisce un’anticipazione a cui in un prossimo futuro seguirà la realizzazione di un percorso museale all’interno della sede della Fondazione, consentendo di visitarne le sale e di ammirarne i capolavori in esse contenuti. Tra questi, quadri e sculture della Collezione Opere d’Arte costituta e incrementata in questi anni recuperando preziose opere in qualche modo legate a Siena e al suo territorio andate disperse per il mondo nel corso dei secoli.

La Fondazione dunque ancora una volta attraverso la sua struttura e la società strumentale Vernice Progetti Culturali (che ha come obiettivo l’organizzazione e la promozione di eventi culturali), si mette al servizio della cultura e della città aprendosi alla comunità di riferimento. Non solo contributi, ma sinergie in termini di conoscenze, professionalità e networking.